Questa pagina potrebbe essere migliorata con la partecipazione dei membri dell'Arca. Contattate il webmaster se avete voglia di partecipare !

L'Arca francofona

Saint-Antoine L'Abbaye

La comunità dell’Arca di Saint Antoine è stata fondata nel 1987 in seguito ad una « sciamatura » dalla comunità di Bonnecombe. Una cinquantina di persone (famiglie, coppie, celibi) vivono negli stabili dell’antica abbazia nel cuore del bel villaggio storico di Saint Antoine l’Abbaye, nell’Isère. Le sue attività comprendono la gestione di una casa d’accoglienza e di formazione, ma anche dei suoi orti e dei suoi giardini di fiori, nonchè diversi altri progetti di trasmissione della propria esperienza, soprattutto il progetto FEVE (Formazione e Sperimentazione al Vivere Insieme). E’ una comunità integenerazionale e interculturale, la cui spiritualità è ancorata in un cristianesimo ecumenico aperto alle pratiche di altre tradizioni. Attenta in primo luogo alla cura della relazioni, essa accoglie tutto l’anno, in uno spirito fraterno e benevolente, persone alla ricerca di trasformazione personale e sociale che giungono per seguire dei ritiri, dei tirocini artistici o di sviluppo personale, diversi seminari, oppure a partecipare alla vita comunitaria e trarre ispirazione. Immersa nel contesto sociale per la sua partecipazione ad azioni non-violente per un mondo più giusto o alle sue relazioni quotidiane con il villaggio, la comunità vive al ritmo delle quattro stagioni, coltivando la sua arte del canto a quattro voci, delle danze in cerchio e delle feste… in un clima di pace, forza e gioia. Sito della Comunità


La Flayssière

La comunità di La Flayssière è stata fondata nel 1975. E’ un’antica fattoria isolata, posizionata in una natura bella e selvaggia. Qui vivono in permanenza quattro coppie, di cui una con un neonato, una persona anziana e volontari provenienti dai quattro angoli del mondo. Abbiamo optato per una vita rurale, in cui la terra è coltivata con amore e nel rispetto dell’ambiente. L’autosufficienza alimentare parziale, la rilocalizzazione e la valorizzazione dei circuiti corti ci sembrano di estrema attualità. Scegliamo volontariamente una sobrietà felice, in cui la coerenza dei gesti quotidiani, la bellezza, la convivialità e la condivisione dei saperi artigianali trovano tutti il loro spazio. I membri della nostra comunità si ripartiscono le diverse responsabilità : il grande orto, la fattoria con la sua mandria di mucche, la formaggeria, il laboratorio di ceramica, la manutenzione degli edifici e la costruzione. L’accoglienza dei tirocinanti e la formazione giocano altresì un ruolo importante nella nostra economia e nelle nostre attività. Le giornate sono ritmate da tempi spirituali, dal lavoro in diversi settori, dal pasto condiviso e dalle attività ricreative come il canto e la danza, nonchè dalle pratiche di Yoga. La nostra vita ricca di feste e attività resta aperta al mondo. L’impegno non-violento per la giustizia, la pace e la difesa dell’ambiente ci porta così a fare la nostra parte nella società. Prestiamo un’attenzione particolare all’armonia nelle relazioni, all’unità del gruppo e al rispetto di ciascuna persona nella sua differenza. Sito della Comunità


La Borie Noble

La Borie Noble vive quotidianamente la convivialità nelle relazioni e si augura di sviluppare un ambiente sereno affinché ciascuno possa realizzarsi in una dinamica di gruppo originale.

Con l’auspicio che le generazioni future acquisiscano una coscienza più ecologica, il nostro gruppo intende diventare un luogo di sperimentazione e di dibattiti, un asilo-nido di soluzioni innovative e di dispositivi da mettere in pratica quanto al futuro del nostro pianeta. La Borie Noble è un gruppo comunitario la cui identità si rifà all’associazione Regain. Esso basa il proprio funzionamento su un principio di gestione collettiva, con dei valori riconosciuti dall’insieme degli occupanti del luogo, che hanno per finalità quella di garantire la coesione e l’armonia. E’ legato nei suoi fondamenti ai valori dell’Arca, pur mantenendo la propria originalità.

Il rispetto del vivente ha la priorità su qualsiasi considerazione culturale, politica, economica, etnica, religiosa o sociale, proprio come i principi di iniziativa e responsabilità. Quest’ultimo principio implica la possibilità per ciascuno di assumere il ruolo che avrà liberamente scelto in seno alla comunità e di portarlo avanti in piena coscienza con gli altri. Sito dell'associazione


Chambrelien (Suisse)

In seguito alle riforme strutturali dell’Arca dal 2005, la comunità di Chambrelien è diventata casa comunitaria dell’Arca nel 2009. Oggi le due coppie originarie, attive seppur attualmente in pensione, compongono l’Arca di Chambrelien con una coppia composta da un agricoltore ed una maestra d’asilo, che le hanno raggiunte nel 1994, dopo essersi conosciute all’Arca di Bonnecombe e aver partecipato attivamente ad un nuovo raggruppamento di giovani amici svizzeri della regione di Berna-Friburgo. I loro quattro bambini, giovani adulti in formazione, sono ancora spesso in famiglia. L’agricoltura è un punto forte nella vita comunitaria : degli apprendisti si formano nell’orto « self-service » (aperto ai clienti in un’ottica di circuito locale) e partecipano alla buona riuscita della produzione di semi, di colture cerealicole ed altre grandi colture. La comunità resta attenta all’accoglienza di persone soggette a diverse difficoltà sociali, per esempio nell’ambito dei richiedenti asilo. Degli studenti coinquilini occupano al momento due appartamenti disponibili, semmai un eventuale progetto di sviluppo comunitario o altro dovesse sorgere…


Arca francofona


L'Arca in Germania

Arche au Brésil

L'Arca in Brasile

Arche hispanophone

L'Arca di lingua spagnola


L'Arca in Italia

SOAR

School of All Relations

In questo momento

07 Lug 2021 Festival du changement

Spazio membri