Questa pagina potrebbe essere migliorata con la partecipazione dei membri dell'Arca. Contattate il webmaster se avete voglia di partecipare !

Principi di vita

La semplificazione della vita

« Bisogna vivere in maniera semplice affinché altri possano semplicemente vivere », diceva Gandhi. La semplicità di vita nell’Arca è la scelta volontaria di limitare l’avere per consentire il libero sviluppo dell’essere. E’ un’azione non-violenta di lotta contro lo spreco e l’accaparramento.

La relazione non-violenta

Una relazione in cui l’altro è percepito come un fratello o una sorella in umanità, con cui si può costruire e collaborare, e non come un nemico con cui si è in concorrenza. Per mezzo della non-violenza non si cerca di negare il conflitto, ma di trasformarlo in un’alternativa costruttiva per ognuno. L’altro, per quanto straniero o strano possa apparire, è a me simile.

La lotta per più giustizia e pace

Questa è radicata nella certezza che la trasformazione della nostra società passa innanzitutto per la nostra trasformazione personale, e si concretizza nella nostra presenza attiva nelle lotte e nella resistenza odierna. L’Arca ha condotto le prime battaglie non-violente in Francia e ciò continua ancora oggi, soprattutto nell’ambito delle lotte contro gli OGM, contro il nucleare e per il disarmo.

Il rispetto delle differenze e la riconciliazione religiosa

L’Arca si inscrive in quella corrente che riconosce alla persona umana non solo le sue dimensioni fisica, psichica e sociale, ma anche la sua dimensione spirituale. Indipendente da tutte le religioni o confessioni, l’Arca accoglie e rispetta il cammino spirituale di ciascuno, escludendo qualsiasi fanatismo o settarismo. I suoi membri coniugano fedeltà e radicamento nella propria tradizione al rispetto e all’apertura verso le altre credenze.

La ricerca di coerenza

La coerenza, o l’unità di vita, è un principio fondante dinamico che collega il pensiero, la parola e l’atto. Il lavoro interiore conduce verso un lavoro per più giustizia e solidarietà. Nell’Arca, infatti, si congiungono questi due poli : la vita spirituale e l’impegno sociale, l’uno inseparabile dall’altro.

La cultura del « vivere insieme »

Questa è necessaria per uscire dall’individualismo che distrugge la società attuale. A partire dalla sua esperienza comunitaria e di rete, l’Arca ha sperimentato molto concretamente la costruzione di un altro modello sociale, in cui la ricerca del bene comune è un elemento essenziale.

La governance collettiva

Questa responsabilizza e rafforza la libertà di pensiero della persona. Essa conduce verso l’intelligenza collettiva del gruppo, che può così rinnovarsi costantemente per essere sempre meglio al servizio del momento storico vissuto.

In questo momento

07 Lug 2021 Festival du changement

Spazio membri